lunedì 5 gennaio 2015

Cos'è la Native Advertising?

 La Native Advertising non è altro che una pubblicità promossa all’interno di contenuti offerti ai lettori di Blog, Social Network e siti web.
La differenza sostanziale dalla pubblicità tradizionale è che il modo di comunicare il messaggio è molto più accurato e predeterminato, la Native Advertising ha l’obiettivo di fondere la pubblicità all’interno del contesto dell'articolo, permettendo di creare coinvolgimento ed attrazione da parte dell'utente.
In molti chiamano la Native Advertising "pubblicità integrata", perchè molti annunci non sono solo studiati per essere pertinenti con l'articolo del blog ma anche con il suo design. Una ridotta parte di esperti parla di "pubblicità occulta", noi siamo più per la prima definizione.
Ovviamente con la Native Advertising non rimangono sempre validi i soliti accorgimenti dell'utilizzare per l'advertising come la domanda in headline e una risposta come body copy, o inserire immagini con forte contrasto di colori, rimane sicuramente valida l'evidenziazione del vantaggio per l’utente.
A breve sarà presente una nostra pubblicità video per un noto brand che produce attrezzature tecnologicbe per la casa, in quel caso la pubblicità sarà contornata dalla simpatia e dolcezza delle presentatrici e questo sicuramente agevolerà la forza di penetrazione che nel Neuromarketing viene denominata ambiente confidenziale per le emozioni che agevolano gli acquisti.
Anche se non verrà utilizzata la tecnica della metafora per generare l'evento dell'acquisto, il coinvolgimento sarà garantito dalla semplicità empirica nell'utilizzare lo strumento.


Per quanto riguarda la Native Advertising nel web marketing, purtroppo in Italia il 45% dei web marketing specialist ancora non utilizza questa tecnica, ed anch' io personalmente mi sono approcciato al Native Advertising applicato al web markeing, per la prima volta durante la mia esperienza lavorativa a Londra, nonostante conoscessi già questa tecnica dal marketing tradizionale, in fatti non dimentichiamo che il Native Advertising è utilizzata nella televisione da molti anni, tanto che 10 ani fà le associazioni di categoria a tutela dei consumatori, sono riusciti a far approvare la legge che prevede che in ogni forma di pubblicità televisiva , sia ben evidenziato l'inizio  e la fine dello spot pubblicitario.
Penso ch tutti almeno una volta abbiamo visto una di quelle trasmissioni del mattino dove parlano di consigli per i consumatori, esempio mentre uno specilista del dormire parla delle tecniche per riposare meglio, arriva la pubblicità del materasso xxx, ovviamente se non ben specificato, il telespettatore potrebbe essere indotto a pensare che la trasmissione dica che quel materasso è meglio di altri.

 Sicuramente il "Native Advertising" sarà una tecnica di Advertising che avrà una veloce ascesa sul web anche perchè oggi le tradizionali tecniche di pubblicità sono divenute ormai poco efficaci ed efficenti, addirittura antiproduttive come i tradizionali banner, che vengono ormai ignorati dal 90% degli utenti e vengono ritenute motivo di distrazione dal 70% degli utenti.
Per concludere riteniamo molto valida la Native Advertising per attività di web marketing, ma riteniamo che debba essere contornata da una accurata tecnica di storytelling.


Articoli correlati